Associazione Sportiva Dilettantistica
Affiliata a:
CSEN Bologna

CONI
Registro Nazionale ASSD n.38042

Vieni anche tu sul Forum
Tripoli Prefecture #079
Prefettura Ufficiale Nazionale

L'ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MODELLISMO SPAZIALE

T-shirt ACME
Indossala anche tu !!

Spain Rocketry - Razzimodellismo in Spagna
ARGOS - Gruppo svizzero

Realizzazione e webdesign:
Acme Webfactory
Contenuti ed articoli realizzati dalla redazione ACME
La sezione "recupero" è stata realizzata con contributi di Juerg Thuering


Tutto il materiale presente su questo sito è esclusivo copyright ACME e non può essere utilizzato senza il consenso del webmaster. Non permessa alcuna pubblicazione di notizie riguardanti questo sito o questa associazione o le sue attività senza il consenso scritto di ACME.

Benvenuto sul sito dell'Associazione Sportiva Dilettantistica ACME Italia!
ACME Italia è l'associazione italiana che si occupa di modellismo spaziale, ovvero l'hobby di costruire e far volare modelli di vettori spaziali o di fantasia utilizzando unicamente motori pronti in commercio. Con ACME puoi realizzare il tuo sogno di costruire e lanciare modelli di razzi che funzionano davvero e in tutta sicurezza. ACME è una associazione regolarmente costituita, affiliata al CONI ed organizzata in modo preciso. E' l'associazione che ha portato in Italia questo tipo di modellismo e che lo promuove da oltre 10 anni. Con noi potrai disporre delle attrezzature per i lanci, di un campo appropriato ed autorizzato, dell'aiuto dei maggiori esperti italiani del settore, e di ben due assicurazioni specifiche per questa attività. Il tutto in una atmosfera sempre allegra ed amichevole, perchè il nostro scopo è quello di fare modelli e di farli volare per divertirci, grandi o piccoli, semplici o sofisticatissimi. Da noi non trovi primedonne, personaggi a cui importa solo mettersi in vista o che prospettano risultati scientifici irraggiungibili: da noi trovi amici, persone sincere, schiette, che si fanno in quattro per aiutarti e per farti sentire parte del gruppo.
In più ACME Italia è la prefettura ufficiale nazionale dell'associazione americana Tripoli Rocketry Association (l'Ente che regola l'hobby del modellismo spaziale HPR a livello mondiale) da cui è abilitata al rilascio delle certificazioni HPR con le quali potrai costruire e lanciare modelli di grandi dimensioni!
Su questo sito trovi tutto quello che riguarda questo hobby: informazioni tecniche, eventi, news e regole.
ACME: poche chiacchere, tanti lanci.

CANSAT Italia 2013Sabato 28 settembre, presso il campo di lancio ACME a Fiorentina di Medicina, si svolgerà la seconda edizione di Cansat Italia. Per chi non lo sapesse, ricordiamo che si tratta di una competizione tra squadre di studenti delle scuole superiori, e consiste nel realizzare "satelliti" delle dimensioni di una lattina da bibite (da qui il termine CAN-Sat) che vengono lanciati ad una quota di 1000 metri a bordo di vettori realizzati per questo scopo. La competizione è organizzata dal Liceo Tassoni di Modena, e vedrà la partecipazione di studenti provenienti da istituti superiori di diverse città d'Italia. All'evento sarà presente anche l'Aeronautica Militare.

ACME Italia fornisce il know-how e il supporto tecnico e logistico per i lanci, ed ha progettato e realizzato gli speciali vettori necessari.

I lanci dei Cansat si svolgeranno prevalentemente al mattino, ma durante tutta la giornata chiunque lo desideri può lanciare i propri modelli proprio come durante uno qualsiasi dei nostri meeting periodici.

Siete tutti invitati sia per assistere alla competizione, sia per provare i vostri modelli!

SRM 2013 - Spanish Rocketry MeetingIl meeting annuale spagnolo cresce di importanza e di partecipazione ogni anno. Questa edizione ha battuto ogni record precedente: ben 118 lanci di cui 17 sperimentali. Il reportage completo da parte del gruppo organizzatore, SpainRocketry, sarà pronto tra breve ma per ora possiamo raccontare l'esperienza della delegazione di ACME che come ogni anno partecipa al meeting.

Per la prima volta in oltre 10 anni il tempo non è stato estivo, anzi, non appena arrivati l venerdì sera ci ha accolto una "tormenta" (come si dice in spagnolo) fortissima, con torrenti di acqua lungo la strada e fango dappertutto. La pioggia ha proseguito durante la notte e a tratti per tutta la giornata seguente, lasciando tregua solo verso il tardo pomeriggio. Questo però non ha impedito che i lanci si susseguissero per tutto il giorno, infilandosi tra una goccia e l'altra.

Un'aspetto che abbiamo sempre apprezzato del meeting spagnolo è la varietà dei modelli presenti: dai più piccoli ai più grandi è rappresentato di tutto, proprio come dovrebbe accadere in ogni meeting. Ci sono stati modelli costruiti da ragazzini con motori A, ma anche bistadio HPR con motori K.

Il nostro gruppo era composto da Piero Valle e Stefano Figini arrivati in auto, e Vyger col figlio Alessandro e Luca Cerica arrivati in aereo. Piero ha lanciato i suoi modelli Space Shuttle e Soyuz sempre con grandi applausi da parte del pubblico, Luca ha provato il suo nuovo modello Wizz (giusto il nome?) con motore AT J415W, colorato in modo impeccabile. Lancio e recupero perfetti ma il modello è atterrato in una risaia (!) molto distante e c'è voluto del buono per ritrovarlo. Una volta individuato, si è dovuto recuperarlo dalla risaia piena d'acqua, inaccessibile per via terra. La soluzione l'ha fornita il grandissimo proprietario del campo di lancio, Juan Antonio Pirla (si chiama proprio così!) che in meno di mezz'ora ci ha fatto avere un paio di stivaloni ascellari da pescatore. Luca li ha inforcati ed ha potuto attraversare la risaia e recuperare il modello, intatto e neppure bagnato.

Lo stesso Juan Antonio il giorno dopo ha preso il suo aereo ultraleggero per andare a cercare il modello di Rodrigo Borjabad anche lui atterrato a grande distanza, e ritrovato proprio grazie a questo fantastico servizio. Si può dire che l'SRM è l'unico meeting nel quale puoi usufruire del servizio ricerca modelli con l'aereo!

Vyger si è esibito come LCO, riuscendo come sempre a far ridere in 4 lingue diverse più una totalmente inventata ma che stranamente veniva compresa... ha anche lanciato alcuni modelli con risultati altalenanti, ma sicuramente suo figlio Alessandro (6 anni) ha battuto il papà costruendo un modello sul campo usando solo nastro adesivo, e lanciandolo con pieno successo. Il modello, in Nike Smoke della Quest, è stato opportunamento ribattezzato "Nike Scotch" da Luca.

Uno tra i lanci più spettacolari è stato sicuramente il bistadio di Joaquim Gaya, con motore AT J800T nel primo stadio e un CTI J nel secondo. Stiamo attendendo maggiori specifiche sul modello ma Il volo è stato da manuale, con separazione ed accensione perfetta del secondo stadio e recupero a doppia espulsione di entrambi.

Un altro lancio molto atteso è stato quello del Procon, un progetto di equipe al quale hanno partecipato Jesus Manuel Recuenco, Manuel Morales, Kike Perez (ci scusiamo se abbiamo dimenticato qualcuno). Il modello porta un quadricottero radiocomandato nell'ogiva che viene rilasciato all'apogeo e torna a terra in modo indipendente. Dopo le modifiche apportate al sistema di rilascio, che lo scorso anno non aveva funzionato, il quadricottero in questo volo si è separato correttamente ma purtroppo non è riuscito a frenare al caduta a sufficienza ed ha impattato il suolo a velocità eccessiva, danneggiandosi in parte. L'esperimento è molto interessante in ogni caso, e data la complessità alcuni insuccessi sono da mettere in conto. Ma il team del Procon non si lascia certo abbattere e continua a trovare soluzioni migliorative.

La sera di sabato si è tenuta la consueta cena del meeting, con ben 50 persone a tavola. Come sempre l'atmosfera è molto amichevole, si incontrano gli amici di anni che vengono dalla Francia e naturalmente dalla Spagna e si passano tre giornate in compagnia serena e sempre molto piacevole. Il tutto a prezzi incredibilemente contenuti il che, in questo periodo, non è cosa da poco!

Foto di Stefano Figini

A breve saranno disponibili altre foto e filmati

MIR 2013 - 12, 13, 14 luglio 2013Quello di quest'anno è stato un MIR veramente particolare, molto famigliare dato il numero di partecipanti ridotto e decisamente internazionale dato che i partecipanti sono stati per il 99% provenienti dall'estero (Germania, Svizzera, Spagna, Croazia). E' stato anche il "meeting degli ibridi" perchè un gran numero di lanci è stato effettuato proprio con questo tipo di motore.
Durante il meeting l'atmosfera è stata di grande divertimento ed allegria, il fatto di essere meno persone degli scorsi anni ha creato un clima da "scampagnata" che è stato molto apprezzato da tutti, e non sono mancati episodi esilaranti come la "processione" per il trasporto di un gazebo o le solite battute di Vyger. La cena del sabato sera è stata eccellente, presso l'ottimo ristorante "La Dondina", e la riffa che ha seguito è stata la più ricca mai vista fin'ora, con i bellissmi modelli in carbonio offerti da Fabio Mapelli ed altri premi spesso spiritosi. Il tutto condito dall'animazione di Vyger che riesce a far ridere il pubblico in cinque lingue diverse!

Gli episodi da segnalare (in ordine casuale):

  • I ragazzi dell'Università di Roma che sono venuti a trovarci nella giornata di venerdì dedicata all'Experimental. I loro due modelli con motori in PVC hanno avuto alcuni problemi dovuti al materiale di cui era fatto l'involucro del motore ma sono stati due test comunque molto utili. Complimenti a tutto il gruppo!

  • Il Phoenix di Maurizio Pizzigoni che dopo un volo di collaudo perfetto è atterrato nell'unico campo di mais delle vicinanze. Maurizio dice di aver studiato un "sensore di mais" che mette in ogni modello, dato che finiscono sempre lì.

  • I nostri amici croati Ivan e Ivica che sono partiti a testa bassa e hanno scandagliato il campo di mais finchè non hanno ritrovato il modello di Maurizio.

  • Il Nike Smoke di Juerg Thuering che dopo un volo spettacolare ha scelto di atterrare nell'unico canaletto pieno d'acqua nel raggio di due chilometri.

  • Il vento che nella notte ha letteralmente accartocciato i gazebo rendendoli più simili ad un'opera di arte moderna che a delle tende. L'ingegno degli esperti di ACME ha però avuto la meglio ed i gazebo, aggiustati con sofisticate tecnologie rigorosamente autocostruite (leggi: nastro adesivo), hanno retto l'intera giornata di domenica.

  • I modelli di Denis Authier, franco-tedesco proveniente da Monaco di Baviera, tutti spinti da motori ibridi Contrail:
      • la riproduzione in scala 90% del Kramer X4, diametro 7.5" e pesante 14 Kg, con motore Contrail K500. Il Kramer X4 è il primo missile aria-aria della storia, progettato nella Seconda Guerra Mondiale dai tedeschi e montato sotto i caccia FW-190. Il volo ha dimostrato che il modello è stabile nonostante la particolare configurazione, ma richiede un po' di potenza in più perchè il recupero è avvenuto proprio in extremis.
      • l'Eagle Claw, diametro 4" e pesante 12 kg, spinto da un Contrail K500 che lo ha lanciato altissimo con un rumore assordante.
      • Il Mega Cowabunga da 23 Kg di peso e diametro 8", con motore Contrail L1400. Il volo è stato da manuale ed altissimo, ma ha dato inizio ad un piccolo incendio del campo, che essendo coperto di grano tagliato ha iniziato a propagarsi rapidamente. Siamo però intervenuti subito con estintori ed acqua e non ci sono state conseguenze se non qualche metro quadro di stoppie bruciacchiate.

  • Claudia Figini (10 anni), che dopo aver vinto un bellissimo modello di Iris alla riffa del sabato sera lo ha lanciato il giorno dopo con un motore Cesaroni I175WH con volo e recupero perfetti.

  • I lanci di Vyger tutti riusciti. E' un fatto da segnalare perchè veramente unico! In particolare il lancio del suo ibrido è stato perfetto, dopo i tanti tentativi fatti gli anni scorsi.

E' stato un MIR diverso ma persino più divertente di altri, apprezzatissimo da tutti i partecipanti. Come associazione abbiamo la netta sensazione che questa edizione del nostro meeting sarà un eccezionale lancio per le successive. In fondo è proprio il divertimento lo scopo principale del nostro hobby!

Foto di Josè Luis Cortijos
Foto di Baldo Fabio Scotti
Foto di Piero Valle
Foto di Maurizio Pizzigoni
Foto di Vyger

VIDEO

Video di Baldo Fabio Scotti
Video di Piero Valle: velocità normale, slow motion
Video di Vyger: drone quadricopter, videocamera

Sperimentato lo scorso anno con successo, quest'anno si ripete l'iniziativa estendendo l'invito ai bambini delle scuole elementari. Il Picnic Aerospaziale è una festa all'aria aperta durante la quale i bambini imparano cosa sono e come funzionano i modelli spaziali, li costruiscono e li fanno volare. Il tutto condito con pranzo, grigliata e pernottamento in tenda sul campo stesso.
Nonostante le condizioni meteo non siano state ideali hanno partecipato sette bambini con i loro genitori e tutti hanno lanciato il loro modello con grande soddisfazione. L'anno prossimo si ripete senz'altro!

Foto di Piero Valle
Foto di Vyger

Le previsioni non erano buone ma a noi non ci ferma nessuno! Il primo ritrovo dell'anno si è tenuto ugualmente domenica 5 maggio. In mattinata le condizioni meteo sono state ottime, mentre verso l'ora di pranzo la pioggia è arrivata piuttosto intensa. Nel primo pomeriggio comunque Luca Cerica è riuscito a lanciare il suo Intruder modificato con doppia espulsione approfittando di uno squarcio di sereno. Il modello, come sempre impeccabile dal punto di vista costruttivo ed estetico, ha utilizzato un motore CTI I215 per raggiungere la quota di 1100 metri circa. Volo perfetto e recupero pure, anche se un po' distante.
La giornata è stata anche molto utile per portare avanti alcuni lavori di completamento per il nostro container-deposito.
Vyger, sempre dotato di giocattoli interessanti, ha portato il suo nuovo drone quadricottero col quale ha realizzato un paio di filmati che potete vedere qui sotto.

Area di lancio - Generico (MP4 - 63 Mb)
Decollo Intruder - al minuto 1:54" (MP4 - 116 Mb)

Su invito della Associazione Ravennate Astrofili Rehita, ACME ha partecipato a questa giornata dedicata alla divulgazione scientifica rivolta ai bambini. Durante la giornata i bambini presenti hanno ascoltato spiegazioni, fatto prove e lanciato razzi ad acqua nel giardino del Planetario. La nostra delegazione, composta da Vyger e Piero Valle, ha effettuato alcuni lanci dimostrativi con alcuni piccoli modelli ed ha allestito una postazione con modelli ed accessori in bella mostra, pronti a rispondere alle domande dei presenti.

Foto by Vyger

 

 

 

 

 

 

Il calendario delle attività ACME per questo anno ha già alcune date in programma:

Domenica 14 aprile - Planetario di Ravenna - "Da grande voglio fare l'astronauta"
Una giornata dedicata allo spazio organizzata dall'Associazione Ravennate Astrofili Rehita. La giornata si svolge dalle 14 alle 19 e comprende conferenze, laboratori didattici ed esperienze pratiche. ACME parteciperà con dimostrazioni e illustrerà la nostra attività e il funzionamento dei nostri modelli. La giornata sarà intitolata a Neil Armstrong.

18-19 maggio - "Picninc Aerospaziale" - Due giorni di lanci in una atmosfera informale, con la presenza di bambini delle scuole elementari che potranno costruire il loro modello sul campo e lanciarlo subito dopo! La manifestazione è aperta a tutti, quindi potete venire a lanciare i vostri modelli come durante un classico meeting di lancio. Previsto picnic sul campo e per chi vule anche la possibilità di campeggiare per la notte.

12-13-14 Luglio - MIR 2013 - Il nostro meeting annuale quest'anno ritorna alla sua data consueta a luglio. Quest'anno il campo sarà completamente libero da coltivazioni e interamente disponibile. E' la migliore occasione per assistere al lancio di modelli super, oltre che per lanciare i propri e conoscere tantissimi altri appassionati.

28 settembre - CANSAT Italia - Dopo la pausa dell'anno scorso quest'anno la competizione CANSAT nazionale torna sul campo di Medicina. Gli studenti di alcune scuole superiori italiane si ritroveranno per vedere che otterrà i migliori risultati con le loro sonde autocostruite. ACME come sempre fornirà le attrezzature, i vettori, il servizio di lancio e la logistica.

Il 13 gennaio si è svolta l'Assemblea annuale della nostra associazione. Il verbale è stato inviato a tutti i soci come di regola. Da questa assemblea sono emerse idee nuove ed un profondo riassetto dell'organizzazione, tanto che possiamo veramente parlare di ACME Versione 2.0
Sono molti gli argomenti trattati che interessano tutti, non solo gli attuali soci, quindi desideriamo pubblicarli su questo sito anche per i futuri interessati.

Come tutti sappiamo l'anno 2012 è stato un anno di profonda crisi che ha investito ogni settore, compresi gli hobby. Questa è stata la ragione principale per il calo di attività nei 12 mesi passati.
Durante questi ultimi mesi abbiamo ricevuto un grande numero di messaggi di sostegno ed incitamento a proseguire le attività della nostra Associazione nonostante la crisi e la sensazione di stasi che stiamo vivendo. Grazie a tutti ragazzi!! Siete stati tantissimi a spronarci a proseguire con l'entusiasmo di sempre, e ci avete veramente fatto capire quanto la nostra Associazione sia fondamentale per il proseguimento di questo piccolo hobby nel nostro Paese.

Del resto, i risultati del sondaggio - aperto a tutti, lo ripetiamo - avevano già espresso un apprezzamento in larga maggioranza, e in particolare indicavano che la nostra Associazione è un sostegno importante per la realizzazione dei propri progetti, oltre dare una serie di validi suggerimenti che faremo il possibile per mettere in pratica. Si vede che i nostri detrattori non avevano tempo per rispondere, oppure hanno cambiato idea… Ancora grazie a tutti!

Sia dal sondaggio che dai messaggi ricevuti, è emerso che il motivo del rallentamento delle attività è sostanzialmente la situazione critica, che non invoglia a spendere soldi e tempo per realizzare nuovi progetti e per gli spostamenti.
Se può consolare, abbiamo constatato che la situazione è comune in altri Paesi europei coi quali abbiamo contatti continui: nel Regno Unito i meeting settimanali sono andati spesso deserti o con attività molto modesta e la partecipazione ai meeting principali si è ridotta moltissimo. In Olanda le attività sono state quasi nulle, in Svizzera c'è un calo anche se uno "zoccolo duro" prosegue sempre, in Spagna c'è stata affluenza al meeting annuale ma ai lanci mensili le presenza sono state ridotte, e così via. Forse si salva solo la Germania, che ha subito la crisi molto meno che altri Paesi.

Per il 2013, quindi, abbiamo cercato di venire incontro alle esigenze degli appassionati e anche all'esigenza di snellire il nostro carico di lavoro, che non possiamo più gestire come prima a causa dei nostri maggiori impegni personali.

Ecco quindi cosa ci riserverà l'anno nuovo:

Consiglio direttivo - Come abbiamo ripetuto fino alla nausea, l'attuale consiglio direttivo è dimissionario. Nessun candidato si è presentato e quindi in mancanza di un nuovo consiglio l'associazione andrebbe sciolta. Per lo scioglimento è necessaria un'assemblea straordinaria con la presenza della maggioranza dei soci, una cosa pressoché impossibile da farsi visto come vanno di solito. In più, da moltissime parti ci hanno incitato a proseguire e non gettare via tutto il lavoro fatto fin'ora. L'Assemblea ha quindi votato per mantenere un consiglio direttivo "ad interim" che si occupi della gestione in modo meno impegnativo di prima, unica possibilità per mandare avanti l'Associazione.

Stop alle iscrizioni - Questa è senza dubbio la novità maggiore. Onde evitare il carico di lavoro che richiede la gestione dei soci, da quest'anno non verrà più fatta una campagna per il rinnovo della quota, che sarà abolita. Se qualcuno vorrà contribuire economicamente potrà farlo attraverso il meccanismo della donazione, ma sarà una libera iniziativa e non darà nessun particolare diritto. Il vantaggio del nuovo sistema è evidente: nessuno sarà impegnato a versare una quota all'inizio dell'anno, e potrà comunque usufruire di tutti i servizi che l'Associazione mette a disposizione. Con questo sistema l'impegno economico viene sicuramente alleggerito.

Nuova organizzazione dei lanci - Anche qui grandi novità: chi desidera far volare il proprio modello ai nostri lanci potrà farlo senza essere iscritto ad alcunché. Se è la prima volta dovrà solo pagare l'assicurazione obbligatoria, che costa 15 euro e dura 12 mesi. In seguito pagherà solo un piccola cifra (5 Euro) e solo quando verrà a lanciare. In questo modo la spesa sarà direttamente dipendente dal numero di lanci ai quali si parteciperà.
I lanci non avranno più una cadenza definita ma dipenderanno dalle condizioni del campo, della meteo o dalla disponibilità delle persone e verranno annunciati di volta in volta con sufficiente anticipo. Sarà sufficiente che un piccolo numero di persone desiderino farlo e che si assicurino la presenza di un responsabile per le attrezzature. Con questa soluzione si evita un impegno fisso per chiunque, e i lanci avverranno sulla base del "chi c'è, c'è".
Altra importante novità: non ci sarà più la pausa per il pranzo. Per non perdere tempo si mangerà direttamente sul campo, ognuno provvederà per se stesso con panino o quello che preferisce. Visto che non ci sarà un calendario di lanci da quest'anno invece di avere un Notam per ogni lancio ne avremo uno permanente, oltre a quello specifico per il MIR.

MIR - Il MIR è il "pezzo forte" della nostra organizzazione. Continueremo a farlo come sempre, senza alcuna variazione e preferibilmente alla seconda settimana di Luglio, a meno che le colture sul campo lo impediscano. Per quest'anno è comunque confermato Luglio, un periodo molto gradito anche da chi viene dall'estero.

CANSAT - Dal sondaggio è emerso che tutti hanno apprezzato questa iniziativa. Come sapete, il CANSAT Italia non è organizzato da ACME ma dall'Istituto Tassoni di Modena, che lo svolge secondo il regolamento internazionale (leggi). ACME si "limita" a fornite i vettori, il campo, le attrezzature ed il know-how. Il nostro è quindi un puro supporto logistico. L'anno scorso l'Istituto Tassoni non ha potuto organizzarlo, sia per questioni organizzative interne sia per via del terremoto. Questa è la ragione per cui non ci sono stati ulteriori aggiornamenti sul loro sito. Tuttavia il lavoro è proseguito in vista del 2013 quindi quest'anno ci sarà una nuova edizione del CANSAT Italia sul campo ACME, probabilmente in autunno. Nel frattempo l'Istituto Tassoni ha inoltrato la domanda all'ESA per organizzare il CANSAT Europeo qui da noi in Italia. Sarebbe un grande onore se il nostro Paese dovesse essere scelto, e sarebbe una grande soddisfazione per ACME accogliere un evento di questa portata.

Riorganizzazione informatica - Dovremmo essere finalmente in grado di sistemare tutta la nostra parte informatica ovvero sito, social network, forum, etc. Il nostro amico Marco Sangiorgi si è dichiarato disponibile a farsi carico del rinnovamento del sito e della gestione dei sistemi di comunicazione più attuali che comprendono una presenza importante sui social networks. Il nuovo sito avrà un suo forum ufficiale ACME incluso, e quindi l'attuale forum Rocketry Italia - che è un forum privato e non il forum ufficiale ACME - sarà eliminato. Stiamo studiando anche un sistema di newsletter per migliorare la comunicazione verso gli interessati.

Viaggi all'estero
- Molti hanno richiesto di organizzare viaggi per visitare i meeting all'estero. E' un lavoro molto impegnativo e le nostre risorse sono molto limitate, ma abbiamo intenzione di raccogliere le adesioni con largo anticipo in modo da poter organizzare viaggi in gruppo.

E' tutto. Speriamo che le nuove iniziative siano di vostro gradimento e saremo felici se parteciperete numerosi. Vi auguriamo buoni lanci per il 2013 !

L'Assemblea annuale, programmata per il 18 novembre, è andata deserta. Per questa ragione è necessario riprogrammare una nuova data che, a causa dei vari impegni professionali e familiari, e del periodo natalizio, dovrà necessariamente essere spostata all'inizio del 2013. I soci riceveranno la comunicazione nei termini stabiliti da Statuto, come sempre.

Anche la richiesta di candidature non ha avuto alcun riscontro. Nessun candidato si è presentato per le cariche del Consiglio Direttivo e quindi in Assemblea sarà necessario fare i dovuti passi previsti dallo Statuto in caso di Consiglio dimissionario senza sostituti.

Una considerazione: E' un peccato che nessuno abbia colto l'opportunità di poter costituire un nuovo Consiglio. Era una possibilità concreta per dare un nuovo impulso al gruppo, magari per poter rinnovare con idee fresche e con nuovo entusiasmo, ed anche una grossa opportunità per tutti coloro che avessero idee diverse sulla conduzione dell'associazione, sui suoi responsabili e sulle iniziative intraprese fin'ora. Alcune di queste persone manifestano da tempo i loro "desiderata", con modi ed intensità diverse, pur stando fuori dall'Associazione o esserne usciti. Il perchè non abbiano colto questa occasione veramente unica è una domanda alla quale sarebbe bello poter dare una risposta.

Un paio di mesi fa su questo sito abbiamo pubblicato un sondaggio per raccogliere i pareri su vari aspetti ed iniziative della nostra Associazione. Lo abbiamo fatto per cercare di sapere come viene vissuta l'Associazione e se ci fosse qualche suggerimento per iniziative future, anche alla luce della scarsa partecipazione riscontrata durante l'anno 2012. Naturalmente il sondaggio era anonimo, e poteva rispondere chiunque passasse da queste parti, non solo i soci.

I risultati sono stati molto positivi ed incoraggianti, e hanno messo in luce alcuni aspetti che sarebbe stato impossibile o molto difficile identificare senza lo strumento dell'indagine.

Qui riportiamo un riassunto commentato dei risultati. Più sotto trovate i link per scaricarli nella forma in cui appaiono sul sito che ospita l'indagine.
Per ragioni tecniche, il sondaggio era suddiviso in due parti.

Sondaggio Parte 1 - Hanno risposto 41 persone

Domanda 1: "Per il razzimodellismo italiano è utile una realtà come ACME?"

I "SI" sono stati il 90,2% mentre hanno risposto "NO" solo 4 persone. E' incoraggiante, indica che la nostra Associazioe ha un'ottima ragione per esistere.

Domanda 2: "Trovi che una realtà come Acme sia un riferimento importante per sviluppare i tuoi progetti?"

L' 85,4% dice di SI, mentre il 14,6% (6 persone) ritiene di no. Come sopra, anche in questo caso c'è la soddisfazione di rappresentare un riferimento importante per la maggioranza degli appassionati.

Domanda 3: "Hai letto e conosci lo Statuto e il Regolamento Acme?"

Lo hanno letto in 32 (78%), il rimanente 22% non lo ha letto. E' positivo, di solito i documenti ufficili vengono letti pochissimo.

Domanda 4: "Avresti delle modifiche da proporre (descrivi brevemente)?"

Questa domanda era facoltativa e infatti 33 persone non hanno risposto, presumibilmente perchè non avevano modifiche da suggerire. Le 8 risposte arrivate sono elencate nel file "Risposte multiple" che potete scaricare dal link più sotto, e che commentiamo brevemente:

  • Tre persone hanno risposto che non c'è nulla da cambiare e va bene così;
  • La risposta n.3 propone qualcosa che esula dallo scopo della nostra Associazione. L'Experimental infatti non è incluso tra le nostre attività, ma forse potremmo dedicargli un po' più spazio oltre a quello durante il nostro meeting annuale. Bisogna però superare varie complicazioni;
  • Altre risposte evidenziano il desiderio di avere lanci organizzati da altre parti d'Italia: questo va sicuramente preso in considrazione, anche se è difficile da realizzare con il "personale" di cui disponiamo. Le solite tre persone non possono muoversi su e giù per lo Stivale a proprie spese diverse volte all'anno. Occorrerebbero soci volonterosi dislocati in varie parti d'Italia, campi adatti, ecc. Non impossibile, ma sicuramente difficile con i mezzi attuali.
  • La risposta 7 è molto interessante: aumentare un po' la frequenza dei lanci è sicuramente possibile, e pranzare sul campo ci permetterebbe di non perdere tempo prezioso.
  • Infine, la risposta 5 è spiritosa ma allo stesso tempo molto saggia, e sarebbe davvero da implementare visto quanto accade di tanto in tanto!

Domanda 5: "Frequenti il sito internet Acme?"

Il 90,2% (37 persone) lo frequentano. Conferma che questo sito è un mezzo fondamentale.

Domanda 6: "Se hai risposto SI, cosa ti attrae maggiormente?" (nel sito)

Il risultato è molto interessante: la maggioranza (78%) vuole più tecniche costruttive, il 61% vuole notizie ed informazioni (su ciò che accade nel mondo razzimodellistico), mentre solo 19 persone (meno della metà delle risposte) sono interessate alle notizie sui lanci.

Domanda 7: "Ti interesserebbe avere altre notizie?" (oltre a ciò che c'è già sul sito)

Anche questa domanda prevedeva commenti multipli, contenuti nel file "Risposte multiple" che potete scaricare dal link più sotto:

I commenti arrivati sono 13. Alcune risposte indicano il desiderio di avere una parte tecnica del sito più ricca e dettagliata. Questa parte è stata realizzata ormai molto tempo fa e pensiamo che sia necessario aggiornarla e migliorarla, così come i progetti dei soci richiesti dalla risposta 5. Il problema in quest'ultimo caso è ottenere il materiale (foto, testi) dai costruttori.

La risposta 4 chiede informazioni su sconti dei commercianti del settore: difficile, dato che praticamente non esistono commercianti! Comunque, non è nostro compito inserirci tra i commercianti e i clienti. Chi farà degli sconti avrà modo di comunicarlo con i propri mezzi, a meno che non chieda espressamente di renderlo noto ai nostri soci.

Anche tra queste risposte si trova una richiesta specifica riguardante l'experimental (risposta 12), in questo caso del tutto in antitesi col nostro operato.

Infine, la risposta 13 (proposta di una rivista semestrale) chiede una cosa molto bella ma altrettanto irrealizzabile, almeno per noi. L'impegno è gravosissimo, assorbe moltissimo tempo di una persona e non può essere fatto in modo approssimativo. Inoltre la cadenza semestrale non sarebbe sufficiente per garantire un prodotto aggiornato. E' più semplice e più efficace pubblicare le news sul sito come richiesto in altre parti del sondaggio.

Domanda 8: "Ti sembra di essere informato sufficientemente sulle attività dell'associazione?"

L'80,5% delle risposte è positivo, mentre 8 persone ritengono di dover avere più informazioni. Ne teniamo conto per le nostre comunicazioni future.

Domanda 9: Complessivamente sei soddisfatto delle attrezzature di lancio a disposizione e della loro gestione?

Questa domanda ha prodotto alcune risposte curiose.
L'85,4% delle persone (35) hanno risposto di essere soddisfatte, 4 persone affermano di non avere mai partecipato ad un lancio e quindi di non avere commenti da fare, mentre 3 persone sostengono che:
1) le rampe sono vecchie (!)
2) non possono lanciare i loro modelli con le nostre rampe (!!)
3) le rampe sono approssimative (!!!)

In realtà ci si aspettava un'opinione sulla gestione logistica, o suggerimenti su possibili miglioramenti o aggiunte. Invece le uniche risposte negative sono state queste.

E' vero che alcune rampe sono state costruite anni fa (altre solo un paio di anni fa), ma svolgono egregiamente il loro compito e grazie alla loro robustezza hanno lanciato centinaia di modelli di ogni dimensione, fino a 20 kg con motori M, senza bisogno di manutenzioni particolari.
Se la costruzione sia approssimativa non siamo in grado di dirlo, ma sicuramente è più che sufficiente per fare il lavoro che devono fare senza porre limitazioni di alcun tipo.
Infine, dato che le rampe sono costruite secondo lo standard in uso in tutto il mondo e che hanno ospitato modelli provenienti da mezza dozzina di Paesi europei, se non sono adatte per i razzi di qualcuno ci dispiace, ma non possiamo farci molto. Nei limiti del possibile cerchiamo di soddisfare tutte le esigenze, se non richiedono modifiche stravolgenti, ma suggeriamo a questa persona di uniformarsi allo standard.

Sondaggio Parte 2 - Hanno risposto 33 persone

Domanda 1: "La partecipazione di Acme all'iniziativa del Cansat ti e' sembrata:"

Opzione 1 - "Utile ed istruttiva?" L'87,9% delle persone hanno detto SI
Opzione 2 - "Ha tolto tempo ad altre attività sociali?" L'84,8% delle persone ha detto NO

Quindi la maggioranza delle persone ha apprezzato l'iniziativa, che verrà ripetuta senz'altro.

Domanda 2: "Hai partecipato alle assemblee annuali?"

La maggioranza (87,9%) non ha partecipato. Un dato prevedibile.

Domanda 3: "Se NO, perchè?"

La maggioranza (57,1%) sostiene che sia troppo scomodo e costoso. il 35,7% aveva altri impegni e solo 2 persone hanno risposto di non essere interessate. Sicuramente spostarsi di molti chilometri per partecipare ad un'assemblea non fa piacere a nessuno, è il problema di associazioni distribuite sul territorio nazionale come la nostra. C'è poco da fare, a meno di non trovare un ottimo sistema per fare un'assemblea telematica.

Domanda 4: "Ti piacerebbe se Acme organizzasse la partecipazione collettiva ai raduni esteri?"

Le risposte affermative sono state la grande maggioranza (87,9%). In un certo senso già lo facciamo, con le nostre trasferte in Spagna e in Svizzera ogni anno, ma si potrebbe fare in modo più "ufficiale". C'è anche da dire che ai ripetuti inviti a partecipare fin'ora non ha risposto praticamente nessuno. Per il futuro vedremo di organizzare in modo diverso.

Domanda 5: "Cosa ti piacerebbe facesse Acme per il futuro (breve descrizione)?"

La risposta non era obbligatoria. Hanno risposto in 15, le risposte sono sul solito file "Risposte multiple" linkato sotto:

La maggioranza delle risposte sono sul tono "continuate così che va bene", il che ovviamente ci incoraggia. Altri ci hanno proprio incoraggiato apertamente, sostenendo che quest'anno è stato sottotono a causa della crisi e delle spese maggiori che tutti ci troviamo ad affrontare. Grazie a tutte queste persone!

Altre risposte esprimono il desiderio di effettuare lanci in varie zone d'Italia, iniziative locali, ecc. E' difficile farlo, siamo in pochissimi a farcene carico e non possiamo correre qui e là. Certamente dobbiamo studiare un modo per decentrare, visto che questo sembra essere il desiderio di molti.

Interessante anche la risposta (n.13) di quella persona che richiede un kit per principianti studiato da ACME. E' una ottima idea, ci lavoreremo su.

Infine, l'ultimo commento, il numero 15, esprime in tutta la sua sintesi e immediatezza un desiderio al quale non si può dire di no, decisamente auspicabile in attività come la nostra. L'autore di questa idea geniale ha la nostra massima considerazione!

Risposte Parte 1 -  Risposte Parte 2 -  Risposte multiple

Lo abbiamo scritto all'inizio dell'anno, lo abbiamo ripetuto più volte, lo abbiamo scritto ancora adesso in occasione del MIR 2012:
Quest'anno, come da Statuto, si deve procedere all'elezione del nuovo Consiglio Direttivo ACME. L'attuale Consiglio è dimissionario. In parole povere questo significa che il Presidente Stefano Figini, il Vicepresidente Stefano (Vyger) Pozzato, e il Tesoriere Maurizio Pizzigoni LASCIANO IL LORO POSTO, e non si ricandideranno, ovvero NON SARA' POSSIBILE RIELEGGERLI. L'inciso è d'obbligo per rendere molto più chiaro il concetto. Le cariche sono libere per chiunque desideri.

Vogliamo ripetere fino alla nausea che DOVRANNO ESSERCI NUOVI CANDIDATI per ricoprire queste cariche che sono:

  • Presidente - E' responsabile, anche legale, dell'Associazione. Tiene i contatti con qualunque realtà esterna, fa pubbliche relazioni, è il riferimento principale.
  • Vicepresidente - Aiuta il presidente nei suoi compiti. Nel nostro caso è "l'uomo sul posto" dato che abita nella zona del campo.
  • Tesoriere - Tiene la cassa e i conti, esegue i pagamenti e gli acquisti, gestisce le iscrizioni e i soci.
  • Segretario - Tiene tutti gli elenchi, spedisce le lettere, tiene conto delle tessere e delle scadenze. Gestisce le comunicazioni con i soci.

Per candidarsi non occorre essere soci e non serve nessuna caratteristica particolare (nessuna certificazione, e potete anche non aver mai costruito un razzo in vita vostra), basta la volontà di farlo.
L'Assemblea per la elezione del nuovo Consiglio si terrà il 18 novembre. Si dovrà necessariamente uscire con un nuovo Consiglio Direttivo, altrimenti l'Associazione resterà senza e sarà costretta a chiudere.

POTETE INVIARE LE VOSTRE CANDIDATURE A: info@acmeitalia.org. E' sufficiente il vostro nome e cognome e la carica per la quale volete candidarvi (es.: Mario Rossi - Presidente). Potete aggiungere qualche notizia su di voi per dare più informazioni ai soci che vi eleggeranno.

Ripeteremo questo annuncio con tutti i mezzi e molto spesso in modo che tutti ne siano informati.

Vi preghiamo davvero di riflettere su quanto scritto e presentare le vostre candidature, se ci tenete a far proseguire questa Associazione che è, lo ripetiamo, l'unica realtà concreta in Italia, con attrezzature ed un campo di lancio con pochi paragoni in Europa.

Quest'anno, per la prima volta nella nostra storia più che decennale, abbiamo dovuto annullare il nostro meeting annuale MIR programmato per il weekend del 12/13/14 ottobre. La ragione è stata la totale mancanza di iscritti.
Nonostante avessimo avvertito sul sito e sul forum, fin dai primi mesi dell'anno, che il MIR sarebbe stato spostato ad ottobre a causa delle coltivazioni, e nonostante le diecine di lettere di invito e di e-mail, gli annunci sul forum, su questo sito e su Facebook, la risposta è stata nulla. Lo stesso è avvenuto per tutti gli altri lanci programmati durante quest'anno.

Se è vero che quest'anno è stato sfortunato sotto alcuni aspetti (il brutto tempo ha impedito un paio di lanci in primavera, la presenza di coltivazioni di mais ha impedito altri lanci a stagione avanzata) è anche vero che gli incontri che è stato possibile programmare sono andati deserti nonostante i ripetuti avvisi. La cosa più sorprendente è stata la totale assenza di risposte di qualunque genere a questi inviti: ne' risposte positive, ne' risposte negative, ne' spiegazioni. In pratica un silenzio totale.

Questo tipo di situazione lascia pensare che l'interesse per il nostro hobby, anche da parte dei soci ACME, sia pressochè nullo. Una associazione di appassionati esiste perchè esistono degli appassionati che intendono riunirsi. Se questo non succede l'associazione non ha motivo di esistere.

Quest'anno, come da Statuto, bisogna procedere alle elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo (che in termini semplici sono quelle quattro persone che si occupano di gestire ed organizzare tutto). L'attuale Consiglio Direttivo è dimissionario. Questo significa che nessuno dei componenti desidera ricandidarsi. La decisione è stata presa per diversi motivi: impegni lavorativi crescenti, aggravati dall'attuale situazione di crisi economica, impegni familiari crescenti, la convinzione che debbano esserci persone nuove con idee più fresche e non ultima, la delusione per i risultati ottenuti a fronte di un impegno ed uno sforzo notevoli.
Ricordo che la nostra Associazione è gestita su base volontaria e vale la pena sottolineare - non lo si fa mai abbastanza - che la quota di iscrizione non è il pagamento per un servizio fornito da qualcuno ma semplicemente un contributo necessario per poter gestire l'organizzazione. Per fare un esempio, Il container che abbiamo sul campo (unici in Europa) e le attrezzature che contiene sono una realtà possibile solo grazie a questo contributo, oltre alla generosità della proprietà del campo, a numerose donazioni da parte di alcuni soci ed ex-soci, italiani e stranieri, e dei componenti stessi del Consiglio Direttivo.
La Assemblea annuale dei soci, nel corso della quale si dovrà eleggere il Consiglio, si terrà a fine ottobre o a novembre previo avviso con i metodi consueti. Chi volesse candidarsi può farlo molto semplicemente scrivendo a info@acmeitalia.org e proponendosi per una delle cariche istituzionali: Presidente, Segretario, Tesoriere, Consigliere.

Se non si presenterà nessun candidato, e quindi se non verrà eletto alcun Consiglio Direttivo, l'Associazione sarà costretta a cessare l'attività. Se questa ipotesi si dovesse verificare tutto il lavoro fatto fin'ora sarebbe vanificato, e questo hobby in Italia cesserebbe di esistere, per lo meno in una forma organizzata.

Ci auguriamo che non si arrivi a questo punto.

MIR 2012 - 12/13/14 ottobre 2012

A causa del numero di adesioni pressochè nullo, quest'anno il nostro meeting MIR viene annullato. Per la prima volta in 13 anni siamo costretti a prendere questa grave decisione, con grandi disagi per l'organizzazione a causa del lavoro compiuto, dei costi sostenuti e delle prenotazioni fatte ed annullate.

La situazione che stiamo vivendo in questo 2012 ci porta a dover ripensare profondamente alle azioni da compiere in futuro, pertanto faremo seguire un comunicato più ampio su quanto ACME intende intraprendere per il 2013.


It is with deep regret that we have to announce that MIR 2012 is CANCELLED due to almost no participants registrations. For the first time in 13 years we had to take this sad decision, with much discomfort to the organization for the work done, the anticipated costs and the reservations cancelled, and to those very few flyers who had attended. This year 2012 has been very critical in many aspects, and ACME is going to re-think the strategies to adopt for the coming 2013.

SRM - Spanish Rocketry Meeting - 7/8/9 Settembre 2012Il meeting di modellismo spaziale che da sempre consideriamo "fratello" del nostro MIR si è svolto come sempre all'insegna del sole, del caldo, dell'amicizia e dei tanti lanci spettacolari. Quest'anno abbiamo assistito a ben tre lanci con motori di classe M. E' la prima volta per la Spagna ma si tratta comunque di uno spettacolo non certo frequente neppure in altri Paesi.

I punti salienti del meeting sono stati sicuramente le due certificazioni Tripoli Level 3, il massimo riconoscimento nel settore, conseguite da Joaquim Gaya e da Paolo Basso. Il caso di Joaquim è piuttosto particolare perchè con i suoi ottanta (80!) anni è sicuramente il più anziano - o "antiguo", come dice lui - Level 3 d'Europa se non del mondo!

Entrambi i modelli utilizzati sono realizzazioni eccezionali: Joaquim col suo Standard SM-3 da 21 kg, tubi e ogiva in fibra di vetro realizzati dal suo costruttore, motore Aerotech M1297W, quota raggiunta 1420 metri, e Paolo con il suo Sparagagna, tubi ed ogiva commerciali e tutto il resto autocostruito, 26 kg, stesso motore di Joaquim, quota raggiunta 1250 metri.

Altri lanci notevoli sono stati quello del Taurus di Josè Luis Sanchez (motore K695R), del Green Hornet di Pascal Reimel (motore J500G), del bistadio Helio-12 di Manuel Morales (motori I285R-H180W). Il nostro Piero Valle ha ricevuto la sua consueta dose di applausi per i lanci delle sue riproduzioni plurimotore e pluristadio, dal funzionamento sempre perfetto. Particolarmente spettacolare la Soyuz coi suoi booster sganciabili e il volo dello Space Shuttle con l'orbiter atterrato praticamente ai piedi di Piero dopo un volo planato perfetto sopra tutta la zona di lancio! Come sempre all'SRM i lanci sono in numero abbondante: ben 74 lanci per un totale di 24464 Ns

Durante il meeting si sono svolte anche le gare di altezza e di lancio dell'uovo vinte rispettivamente da Piero Valle e dal piccolo Iban Perez. Congratulazioni!

Congratulazioni anche all'organizzazione sempre puntuale e attenta, ai certificati Joaquim Gaya (L3), Paolo Basso (L3) e Rodrigo Borjabad (L1), e ai vincitori delle gare di altezza (Piero Valle) e di lancio dell'uovo (Iban Perez)

Reportage su SpainRocketry
Foto di Piero Valle
Foto di Stefano Figini
Foto e video di autori vari sul sito Spain Rocketry (in alto nella pagina)
Foto di Olivier Labrevoir

Canale YouTube di Piero Valle (Video Slow Motion)

Video di Olivier Labrevoir:
a bordo del Doppler Shift (1)
a bordo del Doppler Shift
(2)
a bordo del Martita

Purtroppo tutte le previsioni meteo danno pioggia per tutta la giornata di domenica 20 maggio, e le adesioni al lancio sono state pressochè nulle. Per questo motivo, e anche per la indisponibilità di alcune persone dello staff per impegni precedenti, anche questo lancio non verrà effettuato.

Quest'anno la situazione purtroppo è critica. La crisi probabilmente colpisce anche ACME: i costi aumentati non facilitano gli spostamenti, la meteorologia avversa di questi mesi e la presenza di colture che limiteranno le attività non saranno certo di aiuto, e la situazione di crisi palpabile che tutti stiamo vivendo contribuiscono a fare di questo anno una sorta di "anno sabbatico" per la nostra associazione. Non resta che sperare in momenti migliori, dedicarsi magari alla costruzione di nuovi modelli in vista del MIR che si terrà ad ottobre, e augurarci che nel 2013 si riesca a superare questa situazione.

Data l'incertezza del tempo, e la scarsità di presenze durante lo scorso lancio, abbiamo lanciato messaggi di richiesta di conferma (SMS, e-mail, forum) per chi volesse partecipare al lancio di domenica prossima, 22 aprile.
Le risposte sono state zero, quindi il lancio non si fa. Se ne riparla il 20 maggio.

Inaspettatamente, e per la prima volta nella nostra storia, il primo lancio della stagione è andato praticamente deserto...! Fatta eccezione per il nostro nuovo socio Mauro, nessun altro modellista si è presentato sul campo. C'è da dire che il tempo non era dei migliori, il vento ha soffiato molto forte per tutta la giornata.
Ma c'è sempre un aspetto positivo: questa giornata di lanci ha coinciso con il weekend dedicato alla pulizia e sistemazione del container-magazzino, che ha potuto svolgersi in tutta tranquillità. Ora abbiamo un container perfettamente ordinato e pronto per la stagione di lanci.
Forse la probabilità di dover aiutare in questa operazione è stata considerata da molti un rischio decisamente troppo alto, che non valeva la pena di correre!

Giusto per non lasciare troppi con le mani in mano, l'anno nuovo riprende con un bel lavoro: la pulizia e la riorganizzazione del container/magazzino.
Lo scorso anno in realtà la sistemazione del contenitore per le nostre attrezzature è stata fatta "in corso d'opera" ovvero un po' per volta durante i lanci. Questo per via della solita mancanza di tempo di tutti noi, costretti da vari impegni lavorativi e familiari. Quest'anno abbiamo deciso di dedicare un intero weekend a lavorare sul container per mettere in ordine tutto quanto contiene, buttare via l'inutile, pulire tutto e dare un posto preciso per ogni cosa. Ovviamente tutti i soci ed amici sono invitati e come sempre ACME offre il pranzo, che non sarà certo a base di panini visto che siamo tutti delle buone forchette...

Novità: nel container aggiungeremo un pannello solare per la ricarica delle batterie e un frigorifero per avere acqua sempre fresca (soprattutto durante i lanci estivi)

LA DATA E' CAMBIATA: sarà sabato 17 e domenica 18 marzo 2012. Scrivete a info@acmeitalia.org anche per prenotare il posto a tavola e la camera, se vi fermate a dormire.

Come annunciato da tempo, sabato 8 ottobre si è tenuto il lancio dei CANSAT degli studenti di quattro licei della zona di Modena. L'evento è una prima assoluta per il nostro Paese ed è stato di grande soddisfazione sia per gli organizzatori che, naturalmente, per la nostra associazione che ha realizzato i vettori e gestito i lanci.

La giornata per noi è iniziata presto, per poter allestire il campo con transennamenti e attrezzature. Gli studenti, arrivati in pullmann dalle varie scuole, hanno poi letteralmente invaso l'area a loro destinata ed hanno installato le apparecchiature necessarie per ricevere i dati trasmessi dalle sonde. In totale sul campo erano presenti più di un centinaio di persone ed una troupe di RAI 3.

Nel frattempo noi di ACME abbiamo preparato i vettori per accogliere le sonde. Abbiamo effettuato un primo un lancio di prova a bassa quota (600 metri) per testare i dispositivi a bordo delle sonde, e di seguito altri tre lanci a pieno carico (due sonde per lancio) alla quota prevista di 1000 metri. Tutti i lanci si sono svolti perfettamente, gli studenti sono stati organizzati in squadre recupero dislocate in punti strategici del campo e in costante contatto radio con la direzione di lancio. I recuperi dei vettori sono stati facili, e nonostante il vento li abbia fatti atterrare ad alcune centinaia di metri di distanza i loro paracadute si vedevano chiaramente. I recuperi delle sonde, piccole e leggere, sono stati un po' più complessi ma alla fine sono ritornate tutte nelle mani dei loro costruttori, tranne la prima, purtroppo finita completamente fuori vista.

Il tempo è stato molto clemente, il vento è stato moderato e comunque non problematico ed il sole ha brillato tutto il giorno. Dopo i lanci la giornata si è conclusa allegramente al ristornate dell'agriturismo Aia Cavicchio che è stato completamente riempito da tutti i partecipanti.

L'iniziativa CANSAT Italia è servita anche come test generale per la realizzazione della competizione CANSAT vera e propria tra scuole superiori italiane ed estere, che fin'ora si è svolta in poligoni professionali in zone remote gesiti da agenzie spaziali nazionali. Infatti il Liceo Tassoni di Modena, nella persona del Prof. Marco Nicolini, si è fatto promotore del'iniziativa di portare la competizione internazionale in Italia, evitando lunghe e costose trasferte e dando al nostro Paese un ruolo centrale nell'organizzazione. La cosa si è resa possibile grazie al fatto che la nostra associazione è in grado di fornire le infrastrutture e i vettori, e possiede una specializzazione e una lunga esperienza nel settore.

Di grande interesse l'elettronica contenuta nelle sonde, progettata e realizzata dalla MC Studio. Si tratta di una serie modulare con dispositivi di vario genere (GPS, accelerometri, trasmettitore, etc) realizzata apposta per essere inserita in spazi ristretti come un CANSAT e quindi adatta per essere utilizzata in qualunque modello spaziale.

Le scuole che hanno partecipato alla giornata:

  • il liceo scientifico "A.Tassoni" di Modena - Sonda "Auremat"
  • il liceo classico "L.A.Muratori" di Modena
  • il liceo scientifico "M.Morandi" di Finale Emilia - Sonda "Cielo d'Ottobre"
  • il liceo scientifico "A.F. Formiggini" di Sassuolo - Sonda "SuperCan"

Come associazione siamo orgogliosi di aver collaborato a questa iniziativa e particolarmente soddisfatti per il lavoro svolto, la progettazione e la costruzione dei vettori, e l'organizzazione fornita sul campo.

Ringraziamo innanzitutto il Liceo Tassoni e il Prof. Marco Nicolini, promotori infaticabili dell'iniziativa, ed inoltre un grosso grazie va a tutti coloro che hanno reso possibile l'iniziativa:

  • La Cooperativa LACME e l'agriturismo Aia Cavicchio per aver fornito il terreno di lancio.
  • Il controllo del traffico aereo di Bologna Borgo Panigale per l'emissione del Notam specifico
  • L'IRA/INAF, gestori del Radiotelescopio di Medicina, per l'autorizzazione all'utilizzo delle varie frequenze radio
  • Maurizio Pizzigoni per aver messo a disposizione il laboratorio, le attrezzature, la sua opera e... le cene
  • Vito Pipini per la collaborazione alla costruzione e verniciatura dei vettori
  • Stefano "Vyger" Pozzato per la gestione impeccabile dell'evento e per l'organizzazione delle squadre di recupero
  • Piero Valle per l'assistenza sul campo, le foto e le riprese video normali e slow motion.
  • Stefano Figini per la progettazione dei vettori, la simulazione dei lanci, e la collaborazione alla costruzione

Servizio TV RAI 3 Regione Emilia-Romagna (al minuto 13:51)

Foto di Piero Valle
Foto di Vyger
Foto di Stefano Figini
Video di Piero Valle
Video di Vyger (video 1, video 2, video 3, video 4, video 5, video 6)
Video Slow-Motion di Piero Valle (Lancio ACME-1(test), Lancio ACME-1 (pieno carico), Lancio ACME-2, Lancio ACME-3, discesa vettore e sonde ,la sfilata delle ragazze)

Competizione CANSAT ItaliaSabato 8 ottobre, sul terreno della Cooperativa LACME dal quale effettuiamo i nostri lanci mensili, si terrà il primo lancio della iniziativa CANSAT Italia.

L'idea di realizzare in Italia una competizione CANSAT tra gruppi di studenti delle scuole superiori è partita dal liceo modenese Tassoni. Già dalla fine dello scorso anno, ACME si è impegnata a collaborare a questa iniziativa progettando e fornendo i vettori e il supporto per i lanci. Per la nostra associazione si tratta di una grande opportunità di fornire un servizio utile, in pratica mettendoci nei panni di una ESA in miniatura!
Saranno utilizzati 3 vettori costruiti appositamente allo scopo e dotati di una culla porta-CANSAT (CANSAT-Carrier), già testata nel marzo di quest'anno, in grado di rilasciarne due all'apogeo nello stesso lancio. La quota di rilascio è di 1000 metri (con 100 m di tolleranza). I lanci previsti per l'8 ottobre saranno una diecina circa, per altrettante squadre di studenti.
La notiza del lancio è stata diramata dall'ANSA nel notiziario generale distribuito ai mezzi di comunicazione nazionali, e può essere letta su www.ansa.it (Regioni-> Emilia-Romagna)

Scarica il comunicato stampa ufficiale

Da qualche giorno è online il sito www.cansat.it che vi invitiamo a visitare spesso perchè verrà costantemente aggiornato con le novità sulla iniziativa.

Qui sotto vedete lo schema dei vettori ACME-1, ACME-2 ed ACME-3

ALRS XII - 30/9-1 e 2/10 2011L'ormai consueto clima mite di inizio ottobre ha contribuito alla riuscita anche di questa dodicesima edizione del meeting svizzero, organizzato dal club ARGOS. Come sempre abbiamo visto una gran quantità di modelli grandi e piccoli, di ottima fattura. e dal volo entusiasmante. Abbiamo rivisto l'X-Roc di Andreas Müller, con motore L850, che aveva volato anche al nostro meeting MIR, e se la memoria non fa scherzi per la prima volta abbiamo visto volare ben due modelli di Juerg Thüring, il noto Patriot scala 1:2 (motore L850) e il Nike Smoke che aveva effettuato il suo volo inaugurale proprio al MIR di qualche anno fa.
Ma durante il meeting il susseguirsi di lanci è stato incessante, un totale di ben 112 in tre giorni.
Il nostro Piero Valle si è guadagnato gli applausi di tutti grazie ad un volo strepitoso del suo Space Shuttle e ai perfetti lanci della Soyuz, del Delta e del Little Joe. Segno evidente che quando i modelli sono ben fatti e hanno un volo spettacolare le loro dimensioni non contano nulla.

Le foto e i filmati sul sito ARGOS

Foto di Piero Valle
Foto di Stefano Figini